Scheda Azienda Agricola Serra di Mezzo

Area di produzione:  Agro di Pietraperzia (EN)

Estensione oliveto:  30 ettari circa di proprietà

Altitudine:  460 m. s.l.m.

Varietà:  Nocellara del Belice ed Etnea, Moresca, Biancolilla, Giarraffa, Leccino e Frantoio

Forma di allevamento: a globo, a cespuglio e a monocono

Densità di impianto: 270 piante/ettaro

Sistema di raccolta: a mano con sistemi meccanici (al momento dell’invaiatura)

Sistema di estrazione: a freddo, continuo a due

Aspetto: leggermente velato

Acidità: = media 0,2% – 0,3%, in ogni caso inferiore a 0,6%

Nr. perossidi: media = 5, in ogni caso inferiori a 10

Conservazione: In ambienti asciutti e lontano da fonti di luce e di calore.

Durata: prevista dalla legge: = 18 mesi dall’imbottigliamento; se conservato nella sua confezione, l’olio Serra di Mezzo conserva intatte le sue caratteristiche anche fino a 24 mesi.

Commercializzazione: in bottiglie “marasca”  o “siluette” di vetro scuro da lt. 0,250, 0,500, 0,750, 1,00 e lattine da lt. 3 e 5.

Altre notizie utili: L’Azienda è assoggettata al regime di controllo di agricoltura biologica – Cod. Cliente S810 -, di cui al Reg. Cee. 2092/91 ed è controllata dalla IMC Istituto Mediterraneo Certificazione, Aut. MRAAF n° 9697172 del 18.12.1996.

Abbinamenti e piatti consigliati: Oli molto armonici, particolarmente apprezzabili a crudo, consigliati in abbinamento con pietanze marine; si prestano bene anche a numerosi altri abbinamenti in gastronomia a partire dai sughi e dai primi piatti, dalle grigliate di carni rosse e bianche alle bruschette; esaltano i sapori di delicate zuppe di legumi e verdure.

Azienda Agricola Fattoria Serra di Mezzo

Di  Messina Damiana

Via B.Buozzi n.20 (AN) – Italy

Tel. e Fax 0731/703274

Recapito Telefonico : 339/6495148

3925012379

e-mail: serradimezzo@libero.it

http://www.serradimezzo.it

Caratteristiche organolettiche degli Oli Extra Vergine di Oliva “Serra di Mezzo”

Nocellara del belice: E’ diffusa in Sicilia nella Valle del Belice ed in limitate zone sud della provincia di Enna. La pianta ha sviluppo medio con chioma ampia e rami a frutto penduli. La produttività è alta. Il frutto è mediamente grosso (5-7 gr.). E’ estesamente coltivata anche per la produzione di olive verdi da tavola. L’olio, di fruttato intenso di oliva verde, è di notevole fragranza e freschezza con piacevoli sensazioni di pomodoro: Intensità media, piccante e amaro appena percettibile. Abbinamenti consigliati: Carni sia bianche che rosse alla brace, zuppe di verdure e legumi, verdure cotte, insalate e bruschette.

Le olive verdi in salamoia, al naturale, si fanno apprezzare come antipasto o per accompagnare aperitivi, vini o liquori eventualmente condite con olio, aceto o limone, origano o prezzemolo (si può aggiungere eventualmente anche uno spicchio d’aglio).

Nocellara etnea: E’ diffusa prevalentemente in provincia di Catania ma anche nelle provincie di Messina ed Enna. La pianta ha sviluppo vigoroso, a portamento assurgente con rami a frutto lunghi e penduli. La produttività è elevata. La polpa è spessa e di media consistenza, di qualità pregiata. La sua utilizzazione prevalente è per la produzione di olive verdi da tavola; tuttavia, avendo una buona resa in olio viene utilizzata a tal fine; l’olio, di ottima qualità, particolarmente armonico ed equilibrato, presenta un fruttato medio-intenso, con piacevoli sensazioni di erba, di pomodoro verde, e gradevoli note gustative di amaro e piccante. Abbinamenti consigliati: Carni sia bianche che rosse alla brace, zuppe di legumi insalate e bruschette.

Le olive verdi in salamoia, al naturale, si fanno apprezzare come antipasto o per accompagnare aperitivi, vini o liquori eventualmente condite con olio, aceto o limone, origano o prezzemolo (si può aggiungere eventualmente anche uno spicchio d’aglio).

Moresca: E’ diffusa nelle province di Catania, Caltanissetta, Ragusa ed Enna. La pianta è vigorosa a portamento espanso. La produttività è elevata e mediamente costante. Il frutto, di pezzatura medio grande (gr. 4-5), è molto adatto per la preparazione di olive nere al sale secco. La resa in olio è buona e di buona qualità; dal colore giallo con riflessi verdi, presenta un fruttato medio, con toni erbacei. La piacevole sensazione di pomodoro percepita all’olfatto si conferma al gusto, mentre il dolce prevalente lascia pian piano il posto a leggere note di amaro e piccante. Abbinamenti consigliati: Particolarmente adatto alla preparazione di basi per tutti i tipi di sugo (di pesce, carne o semplicemente pomodoro) e bruschette.

Le olive nere in salamoia, al naturale, si fanno apprezzare come antipasto o per accompagnare aperitivi, vini o liquori eventualmente condite con olio, aceto o limone, origano o prezzemolo (si può aggiungere eventualmente anche uno spicchio d’aglio). Si esaltano se fritte o a forno anche accompagnate da un filo di olio e odori.

Biancolilla: Pianta prevalentemente da olio è presente principalmente nelle province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, La produttività è mediamente costante se viene allevata in terreni fertili. Il frutto, di media consistenza, da un olio alquanto caratteristico, particolarmente delicato e dal colore chiaro. Presenta un fruttato medio-leggero, con piacevoli fragranze di foglia, mandorla, mela verde. Armonico, con prevalenza di dolce e lievi note di amaro e piccante. Abbinamenti consigliati: Pesce in tutte le sue forme di cottura o a crudo; carni bianche alla brace,  verdure cotte e insalate.

Giarraffa: E’ presente in quasi tutte le province siciliane, senza prevalere in nessuna di esse. La pianta ha dimensioni medie e portamento piuttosto assurgente. La produttività è mediamente costante se viene allevata in terreni fertili. Il frutto piuttosto grosso (10-12 gr.) risulta adatto per la preparazione di olive da tavola, sia verdi che nere. Presenta anche una resa discreta in olio che risulta di qualità pregiata. Abbinamenti consigliati: Pesce in tutte le sue forme di cottura o a crudo; carni bianche alla brace, verdure cotte e insalate.

Blend: (Blend delle cultivar Moresca, Nocellara del Belice, Nocellara Etnea, Biancolilla, Giarraffa, Tonda Iblea, Nocellara Messinese, Carolea, Leccino, Frantoio).  Il Blend esprime un fruttato di oliva verde e note erbacee. In bocca l’impatto lievemente dolce è integrato dalla componente amara, associata al ricordo di verdure campestri, e dal piccante di piacevole intensità. Abbinamenti consigliati: Si presta bene a numerosi abbinamenti in gastronomia grazie al suo equilibrio: sughi, primi piatti, grigliate di carni rosse e bianche, bruschette, zuppe di legumi e verdure e fritture.

Nel 2010:

  • Selezione  “Slow Food”  – Guida agli Extravergini;
  • Selezione  “Bibenda” – Associazione Italiana Sommelier dell’Olio – L’Olio – Il libro guida agli oli d’Italia;
  • Selezione “Flos Olei” – Guida ai migliori Extravergini del mondo – curata e pubblicata da Marco Oreggia;
  • 1° Premio – Categoria  Biologico  Fruttato Medio – al Concorso Regionale degli oli Extravergine siciliani;
  • 1° Premio – Categoria Fruttato Medio – al Concorso Regionale degli oli Extravergine siciliani;
  • 2° classificato – Categoria  Biologico – al Concorso Internazionale “Montiferru”;
  • 3° classificato – Categoria Biologico – al Concorso Internazionale “L’Orciolo d’Oro” di Gradara:
  • 3° Premio – Categoria  Biologico  Fruttato Leggero – al Concorso Regionale degli oli Extravergine siciliani;
  • 3° Premio – Categoria  Biologico  – al Concorso Nazionale “Legambiente”;
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Documenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...